IL MITO DEL RESPIRARE BENE PER RESPIRARE MEGLIO

Quante volte abbiamo sentito dire che il respiro “corretto” è quello diaframmatico, cioè quello che proviene dal movimento del diaframma e quindi piu’ profondo.

Ma davvero esistono diversi “tipi” di respiro, alcuni giusti e altri sbagliati?

Vorrei qui sfatare alcuni miti del “respirare bene”, basati sulla mia esperienza di praticante e di insegnante.

Iniziamo col dire che tutti sappiamo come respirare, altrimenti saremmo morti. L’idea che si possa, in una classe di yoga ad esempio, insegnare a respirare, è secondo me fuorviante.

Esistono, nella tradizione yogica, tecniche di respirazione avanzate (le cosidette tecniche di pranayama), che vanno a modificare il ritmo normale del respiro per influenzare alcuni processi a livello corporeo. Si tratta, appunto, di tecniche avanzate, che andrebbero quindi svolte solo quando si è già avanti nella conoscenza del proprio corpo e comunque sempre sotto la guida di un insegnante esperto. Diversamente, ci possono essere controindicazioni e anche rischi per la propria salute.
Le tecniche di pranayama, per esempio, sono a mio avviso sconsigliabili da praticare con bambini.

È vero, invece, che la maggior parte delle persone ha difficoltà a respirare a causa di posture sbagliate, oppure per stress e tensioni accumulate nel corpo sotto forma di tensioni muscolari.

È su questo che si puo’ andare a lavorare.

Lo Yoga Somatico e i Movimenti Somatici sono uno strumento utlissimo per andare prendere prima consapevolezza, e poi sciogliere in modo naturale queste tensioni che tratteniamo nel corpo. A quel punto il respiro, prima trattenuto in modo innaturale, sarà nuovamente libero di fluire.

Ricapitolando:

se l’acqua di un fiume non riesce a defluire verso il mare a causa di pietre e detriti che ne ostruiscono il corso, quello che possiamo fare non è insegnare al fiume come muoversi verso il mare, ma piuttosto liberare il letto del fiume da questi ostacoli, liberandone il suo corso naturale.

Se ti è piaciuto questo contenuto, condividilo sui tuoi canali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *